domenica , 3 Marzo 2024

Home » Cod. procedura civile » Libro II: Del processo di cognizione – Titolo I Del procedimento davanti al tribunale – Capo VII Della sospensione, interruzione ed estinzione del processo

Libro II: Del processo di cognizione – Titolo I Del procedimento davanti al tribunale – Capo VII Della sospensione, interruzione ed estinzione del processo

Aprile 11, 2014 8:59 am by: Category: Cod. procedura civile Leave a comment A+ / A-

Art. 295. (1)
(Sospensione necessaria)

Il giudice dispone che il processo sia sospeso in ogni caso in cui egli stesso o altro giudice deve risolvere una controversia, dalla cui definizione dipende la decisione della causa.

 

(1) Articolo così sostituito dall’art. 35, L. 26 novembre 1990, n. 353.

 

Art. 296. (1)
(Sospensione su istanza delle parti)

 

Il giudice istruttore, su istanza di tutte le parti, ove sussistano giustificati motivi, può disporre, per una sola volta, che il processo rimanga sospeso per un periodo non superiore a tre mesi, fissando l’udienza per la prosecuzione del processo medesimo.

 

(1) Articolo aggiornato con le modifiche introdotte dalla L. 18 giugno 2009, n. 69.

 

Art. 297. (1)
(Fissazione della nuova udienza dopo la sospensione)

 

Se col provvedimento di sospensione non è stata fissata l’udienza in cui il processo deve proseguire, le parti debbono chiederne la fissazione entro il termine perentorio di tre mesi dalla cessazione della causa di sospensione di cui all’art. 3 del Codice di procedura penale o dal passaggio in giudicato della sentenza che definisce la controversia civile o amministrativa di cui all’articolo 295.
Nell’ipotesi dell’articolo precedente l’istanza deve essere proposta dieci giorni prima della scadenza del termine di sospensione.
L’istanza si propone con ricorso al giudice istruttore o, in mancanza, al presidente del tribunale.
Il ricorso, col decreto che fissa l’udienza, è notificato a cura dell’istante alle altre parti nel termine stabilito dal giudice.

 

(1) Articolo aggiornato con le modifiche introdotte dalla L. 18 giugno 2009, n. 69.

 

Art. 298.
(Effetti della sospensione)

 

Durante la sospensione non possono essere compiuti atti del procedimento.
La sospensione interrompe i termini in corso, i quali ricominciano a decorrere dal giorno della nuova udienza fissata nel provvedimento di sospensione o nel decreto di cui all’articolo precedente.

 

Sezione II: DELL’INTERRUZIONE DEL PROCESSO

 

Art. 299.
(Morte o perdita della capacità prima della costituzione)

 

Se prima della costituzione in cancelleria o all’udienza davanti al giudice istruttore, sopravviene la morte oppure la perdita della capacità di stare in giudizio di una delle parti o del suo rappresentante legale o la cessazione di tale rappresentanza, il processo è interrotto, salvo che coloro ai quali spetta di proseguirlo si costituiscano volontariamente, oppure l’altra parte provveda a citarli in riassunzione, osservati i termini di cui all’articolo 163-bis.

 

 

Art. 300. (1)
(Morte o perdita della capacità della parte costituita o del contumace)

 

Se alcuno degli eventi previsti nell’articolo precedente si avvera nei riguardi della parte che si è costituita a mezzo di procuratore, questi lo dichiara in udienza o lo notifica alle altre parti.
Dal momento di tale dichiarazione o notificazione il processo è interrotto, salvo che avvenga la costituzione volontaria o la riassunzione a norma dell’articolo precedente.
Se la parte è costituita personalmente, il processo è interrotto al momento dell’evento.
Se l’evento riguarda la parte dichiarata contumace, il processo è interrotto dal momento in cui il fatto interruttivo è documentato dall’altra parte, o è notificato ovvero è certificato dall’ufficiale giudiziario nella relazione di notificazione di uno dei provvedimenti di cui all’articolo 292. (1)
Se alcuno degli eventi previsti nell’articolo precedente si avvera o è notificato dopo la chiusura della discussione davanti al collegio, esso non produce effetto se non nel caso di riapertura dell’istruzione.

 

(1) Comma così sostituito dall’art. 46, comma 13, della L. 18 giugno 2009, n. 69, a decorrere dal 4 luglio 2009. Tale disposizione si applica ai giudizi instaurati dopo la data della sua entrata in vigore. Il testo precedente disponeva: “Se questo riguarda la parte dichiarata contumace, il processo è interrotto dal momento in cui il fatto interruttivo è notificato o è certificato dall’ufficiale giudiziario nella relazione di notificazione di uno dei provvedimenti di cui all’art. 292.”

Art. 301.
(Morte o impedimento del procuratore)

 

Se la parte è costituita a mezzo di procuratore, il processo è interrotto dal giorno della morte, radiazione o sospensione del procuratore stesso.
In tal caso si applica la disposizione dell’articolo 299.
Non sono cause d’interruzione la revoca della procura o la rinuncia ad essa.

 

Art. 302.
(Prosecuzione del processo)

 

Nei casi previsti negli articoli precedenti la costituzione per proseguire il processo può avvenire all’udienza o a norma dell’articolo 166. Se non è fissata alcuna udienza, la parte può chiedere con ricorso al giudice istruttore o, in mancanza, al presidente del tribunale la fissazione dell’udienza. Il ricorso e il decreto sono notificati alle altre parti a cura dell’istante.

 

Art. 303.
(Riassunzione del processo)

 

Se non avviene la prosecuzione del processo a norma dell’articolo precedente, l’altra parte può chiedere la fissazione dell’udienza, notificando quindi il ricorso e il decreto a coloro che debbono costituirsi per proseguirlo. In caso di morte della parte il ricorso deve contenere gli estremi della domanda, e la notificazione entro un anno dalla morte può essere fatta collettivamente e impersonalmente agli eredi, nell’ultimo domicilio del defunto.
Se vi sono altre parti in causa, il decreto è notificato anche ad esse.
Se la parte che ha ricevuto la notificazione non comparisce all’udienza fissata, si procede in sua contumacia.

 

Art. 304.
(Effetti dell’interruzione)

 

In caso d’interruzione del processo si applica la disposizione dell’articolo 298.

 

Art. 305. (1)
(Mancata prosecuzione o riassunzione)

 

Il processo deve essere proseguito o riassunto entro il termine perentorio di tre mesi dall’interruzione, altrimenti si estingue.

 

(1) Articolo aggiornato con le modifiche introdotte dalla L. 18 giugno 2009, n. 69.

 

Sezione III: DELL’ESTINZIONE DEL PROCESSO

 

Art. 306.
(Rinuncia agli atti del giudizio)

 

Il processo si estingue per rinuncia agli atti del giudizio quando questa è accettata dalle parti costituite che potrebbero aver interesse alla prosecuzione. L’accettazione non è efficace se contiene riserve o condizioni.
Le dichiarazioni di rinuncia e di accettazione sono fatte dalle parti o da loro procuratori speciali, verbalmente all’udienza o con atti sottoscritti e notificati alle altre parti.
Il giudice, se la rinuncia e l’accettazione sono regolari, dichiara l’estinzione del processo.
Il rinunciante deve rimborsare le spese alle altre parti, salvo diverso accordo tra loro. La liquidazione delle spese è fatta dal giudice istruttore con ordinanza non impugnabile.

 

Art. 307.
(Estinzione del processo per inattività delle parti)

 

Se dopo la notificazione della citazione nessuna delle parti siasi costituita entro il termine stabilito dall’articolo 166, ovvero, se, dopo la costituzione delle stesse, il giudice, nei casi previsti dalla legge, abbia ordinata la cancellazione della causa dal ruolo, il processo, salvo il disposto (1) dell’articolo 181 e dell’articolo 290, deve essere riassunto davanti allo stesso giudice nel termine perentorio di tre mesi (2) che decorre rispettivamente dalla scadenza del termine per la costituzione del convenuto a norma dell’articolo 166, o dalla data del provvedimento di cancellazione; altrimenti il processo si estingue.
Il processo, una volta riassunto a norma del precedente comma, si estingue se nessuna delle parti siasi costituita, ovvero se nei casi previsti dalla legge il giudice ordini la cancellazione della causa dal ruolo.
Oltre che nei casi previsti dai commi precedenti, e salvo diverse disposizioni di legge, il processo si estingue altresì qualora le parti alle quali spetta di rinnovare la citazione, o di proseguire, riassumere o integrare il giudizio, non vi abbiano provveduto entro il termine perentorio stabilito dalla legge, o dal giudice che dalla legge sia autorizzato a fissarlo. Quando la legge autorizza il giudice a fissare il termine, questo non può essere inferiore ad un mese né superiore a tre. (3)
L’estinzione opera di diritto ed è dichiarata, anche d’ufficio, con ordinanza del giudice istruttore ovvero con sentenza del collegio. (4)

 

(1) Le parole: “del secondo comma” sono state soppresse dall’art. 46, comma 15, lett. a), della L. 18 giugno 2009, n. 69.
(2) Le parole: “un anno” sono state così sostituite dall’art. 46, comma 15, lett. a), della L. 18 giugno 2009, n. 69.
(3) La parola: “sei” è stata così sostituita dall’art. 46, comma 15, lett. b), della L. 18 giugno 2009, n. 69.
(4) Questo comma è stato così sostituito dall’art. 46, comma 15, lett. c), della L. 18 giugno 2009, n. 69. Il testo precedente recitava. “L’estinzione opera di diritto, ma deve essere eccepita dalla parte interessata prima di ogni altra sua difesa. Essa è dichiarata con ordinanza del giudice istruttore, ovvero con sentenza del collegio, se dinanzi a questo venga eccepita.”
_____________

Vedi:

  • Laura Biarella, Estinzione processo: sentenza che rigetta reclamo si impugna con ricorso, Cass. Civile, SS.UU., sentenza 8 ottobre 2013, n. 22848;
  • Giuseppina Mattiello, Fallimento: termine per riassunzione decorre da conoscenza legale dell’evento, Tribunale Taranto, sez. II, sentenza 27 marzo 2013, n. 655.

 

 

Art. 308.
(Comunicazione e impugnabilità dell’ordinanza)

 

L’ordinanza che dichiara l’estinzione è comunicata a cura del cancelliere se è pronunciata fuori della udienza. Contro di essa è ammesso reclamo nei modi di cui all’articolo 178 commi terzo, quarto e quinto.
Il collegio provvede in camera di consiglio con sentenza, se respinge il reclamo, e con ordinanza non impugnabile, se l’accoglie.

 

Art. 309.
(Mancata comparizione all’udienza)

 

Se nel corso del processo nessuna delle parti si presenta all’udienza, il giudice provvede a norma del primo comma dell’articolo 181.

 

Art. 310. (1)
(Effetti dell’estinzione del processo)

 

L’estinzione del processo non estingue l’azione.

 

L’estinzione rende inefficaci gli atti compiuti, ma non le sentenze di merito pronunciate nel corso del processo e le pronunce che regolano la competenza.

 

Le prove raccolte sono valutate dal giudice a norma dell’articolo 116 secondo comma.

 

Le spese del processo estinto stanno a carico delle parti che le hanno anticipate.

 

(1) Articolo aggiornato con le modifiche introdotte dalla L. 18 giugno 2009, n. 69.

Libro II: Del processo di cognizione – Titolo I Del procedimento davanti al tribunale – Capo VII Della sospensione, interruzione ed estinzione del processo Reviewed by on . Art. 295. (1) (Sospensione necessaria) Il giudice dispone che il processo sia sospeso in ogni caso in cui egli stesso o altro giudice deve risolvere una controv Art. 295. (1) (Sospensione necessaria) Il giudice dispone che il processo sia sospeso in ogni caso in cui egli stesso o altro giudice deve risolvere una controv Rating: 0

Related Posts

Leave a Comment

UA-24519183-2