sabato , 15 Giugno 2024

Home » 1. Appalti » La “riorganizzazione” dell’offerta operata dal ricorrente risulterebbe comunque (e parimenti) inammissibile, poiché mirata a rinforzare un settore autonomo nevralgico e centrale nella valutazione di affidabilità dell’offerta, quale il Piano Economico Finanziario, mediante una irrituale trasmigrazione da altre voci, non collegate ratione materiae

La “riorganizzazione” dell’offerta operata dal ricorrente risulterebbe comunque (e parimenti) inammissibile, poiché mirata a rinforzare un settore autonomo nevralgico e centrale nella valutazione di affidabilità dell’offerta, quale il Piano Economico Finanziario, mediante una irrituale trasmigrazione da altre voci, non collegate ratione materiae

la ricorrente, chiamata a giustificare la sostenibilità economica del progetto con i dati contenuti nel documento presentato in sede di gara, ha in realtà incrementato di quasi il doppio i ricavi originari, alterando in modo indiscutibile le condizioni iniziali dell’offerta

Tar Abruzzo, L’Aquila sentenza numero 315 del 24 maggio 2016


Per leggere interamente l'articolo...

Effettua il login

Accedi gratuitamente per 15 giorni

> ATTIVA LA PROVA GRATUITA

La “riorganizzazione” dell’offerta operata dal ricorrente risulterebbe comunque (e parimenti) inammissibile, poiché mirata a rinforzare un settore autonomo nevralgico e centrale nella valutazione di affidabilità dell’offerta, quale il Piano Economico Finanziario, mediante una irrituale trasmigrazione da altre voci, non collegate ratione materiae Reviewed by on . Tar Abruzzo, L'Aquila sentenza numero 315 del 24 maggio 2016 [level-accesso-ai-contenuti-del-blog] [toggle style="closed" title="alcuni importanti passaggi"] il Tar Abruzzo, L'Aquila sentenza numero 315 del 24 maggio 2016 [level-accesso-ai-contenuti-del-blog] [toggle style="closed" title="alcuni importanti passaggi"] il Rating: 0
UA-24519183-2