lunedì , 18 Gennaio 2021

Home » 3. Responsabilità » Il diritto al risarcimento del danno per lesione di affidamento generato nel privato dalla legittimità di un atto amministrativo di cui quest’ultimo sia beneficiario (nel caso di specie, la prima graduatoria) e che poi sia annullato, in sede giurisdizionale o anche in autotutela, appartiene alla cognizione giurisdizionale del Giudice ordinario

Il diritto al risarcimento del danno per lesione di affidamento generato nel privato dalla legittimità di un atto amministrativo di cui quest’ultimo sia beneficiario (nel caso di specie, la prima graduatoria) e che poi sia annullato, in sede giurisdizionale o anche in autotutela, appartiene alla cognizione giurisdizionale del Giudice ordinario

in quanto il relativo giudizio si incentra sulla violazione del dovere del “neminem laedere”, che prescinde dalla natura pubblica o privata dell’agente e della sua attività e, per questo, non giustifica la concentrazione della tutela risarcitoria di fronte al giudice dell’annullamento (in tal senso, da ultimo, Cass., Sez. Un., ord. 4 settembre 2015, n. 17586).


Per leggere interamente l'articolo...

Effettua il login

Accedi gratuitamente per 15 giorni

> ATTIVA LA PROVA GRATUITA

Il diritto al risarcimento del danno per lesione di affidamento generato nel privato dalla legittimità di un atto amministrativo di cui quest’ultimo sia beneficiario (nel caso di specie, la prima graduatoria) e che poi sia annullato, in sede giurisdizionale o anche in autotutela, appartiene alla cognizione giurisdizionale del Giudice ordinario Reviewed by on . [level-accesso-ai-contenuti-del-blog] [toggle style="closed" title="alcuni importanti passaggi"] La domanda di annullamento è inammissibile per originaria caren [level-accesso-ai-contenuti-del-blog] [toggle style="closed" title="alcuni importanti passaggi"] La domanda di annullamento è inammissibile per originaria caren Rating: 0
UA-24519183-2