giovedì , 2 Dicembre 2021

Home » 3. Responsabilità » aggiudicataria non specifica oneri sicurezza aziendali quindi contratto inefficace e subentro seconda classificata

aggiudicataria non specifica oneri sicurezza aziendali quindi contratto inefficace e subentro seconda classificata

non essendo stati dimostrati elementi ostativi, va dichiarata l’inefficacia del contratto, ai sensi dell’articolo 122 del codice del processo amministrativo, e deve essere altresì disposta, previo accertamento dei requisiti soggettivi, l’aggiudicazione in favore della ricorrente seconda classificata

Consiglio di Stato decisione numero 5264 del 17 novembre 2015

è fondato e assorbente, alla luce dei principi sanciti dall’Adunanza Plenaria di questo Consiglio con le sentenze nn. 3 e 9 del 2015, il motivo di ricorso con cui si contesta la violazione, da parte dell’aggiudicataria F.lli controinteressata s.r.l., dell’obbligo, a pena di esclusione, di specificazione degli oneri di sicurezza aziendali come adempimento direttamente imposto al concorrente dalla legge (artt. 86, comma 3 bis e 87, commi 3 e 3 bis, del codice dei contratti pubblici), anche in via di etero-integrazione della disciplina recata dalla lex specialis;

Reputato, in definitiva, che l’appello merita accoglimento e che, pertanto, devono essere annullati gli atti di gara nella parte in cui hanno disposto l’aggiudicazione in favore della società controinteressata ;

Reputato inoltre che, non essendo stati dimostrati elementi ostativi, va dichiarata l’inefficacia del contratto, ai sensi dell’articolo 122 del codice del processo amministrativo, e deve essere altresì disposta, previo accertamento dei requisiti soggettivi, l’aggiudicazione in favore della ricorrente seconda classificata, con conseguente subentro della ricorrente nel contratto ai sensi dell’articolo 124 del codice del processo amministrativo;

Reputato, infine, che, in ragione delle oscillazioni interpretative registratesi sulla questione di diritto decisiva, sussistono giusti motivi per disporre la compensazione delle spese di giudizio;

il testo integrale di Consiglio di Stato decisione numero 5264 del 17 novembre 2015

N. 05264/2015REG.PROV.COLL.

N. 08683/2015 REG.RIC.

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

Il Consiglio di Stato

in sede giurisdizionale (Sezione Quinta)

ha pronunciato la presente

SENTENZA

sul ricorso numero di registro generale 8683 del 2015, proposto da:
Società ricorrente Srl, rappresentato e difeso dall’avv. Lorenzo Lentini, con domicilio eletto presso Giuseppe Placidi in Roma, Via Cosseria 2;

contro

Consorzio di Gestione dell’Area Marina Protetta “Punta Campanella, rappresentato e difeso dall’avv. Giulio Renditiso, con domicilio eletto presso Michele Sandulli in Roma, Via XX Settembre 3;

nei confronti di

Cantieri Navali F.Lli controinteressata A Rl, rappresentato e difeso dall’avv. Fabrizio Perla, con domicilio eletto presso Fabrizio Perla in Roma, Via Sistina, 121;

per la riforma

della sentenza breve del T.A.R. CAMPANIA – NAPOLI: SEZIONE VII n. 03224/2015, resa tra le parti, concernente affidamento fornitura di una imbarcazione da traffico passeggeri per una fruizione sostenibile dell’area marina protetta di punta campanella – ris. danni

Visti il ricorso in appello e i relativi allegati;

Visti gli atti di costituzione in giudizio di Consorzio di Gestione dell’Area Marina Protetta “Punta Campanella e di Cantieri Navali F.Lli controinteressata A Rl;

Viste le memorie difensive;

Visti tutti gli atti della causa;

Relatore nella camera di consiglio del giorno 17 novembre 2015 il Cons. Francesco Caringella e uditi per le parti gli avvocati Lorenzo Lentini, Rosa Persico su delega dell’Avv. Giulio Renditiso, e Fabrizio Perla;

Rilevato che con la sentenza appellata i Primi Giudici hanno respinto il ricorso proposto dalla società ricorrente s.t.l. avverso gli atti relativi alla procedura di gara indetta dal Consorzio intimato, avente ad oggetto l’affidamento della fornitura di un’imbarcazione da traffico passeggeri per una fruizione sostenibile dell’area marina protetta di Punta Campanella;

Ritenuta la sussistenza dei presupposti per la definizione del giudizio con sentenza succintamente motivata, come da avviso dato alle parti, ai sensi dell’articolo 60 del codice del processo amministrativo;

Ritenuto che è fondato e assorbente, alla luce dei principi sanciti dall’Adunanza Plenaria di questo Consiglio con le sentenze nn. 3 e 9 del 2015, il motivo di ricorso con cui si contesta la violazione, da parte dell’aggiudicataria F.lli controinteressata s.r.l., dell’obbligo, a pena di esclusione, di specificazione degli oneri di sicurezza aziendali come adempimento direttamente imposto al concorrente dalla legge (artt. 86, comma 3 bis e 87, commi 3 e 3 bis, del codice dei contratti pubblici), anche in via di etero-integrazione della disciplina recata dalla lex specialis;

Reputato, in definitiva, che l’appello merita accoglimento e che, pertanto, devono essere annullati gli atti di gara nella parte in cui hanno disposto l’aggiudicazione in favore della società controinteressata ;

Reputato inoltre che, non essendo stati dimostrati elementi ostativi, va dichiarata l’inefficacia del contratto, ai sensi dell’articolo 122 del codice del processo amministrativo, e deve essere altresì disposta, previo accertamento dei requisiti soggettivi, l’aggiudicazione in favore della ricorrente seconda classificata, con conseguente subentro della ricorrente nel contratto ai sensi dell’articolo 124 del codice del processo amministrativo;

Reputato, infine, che, in ragione delle oscillazioni interpretative registratesi sulla questione di diritto decisiva, sussistono giusti motivi per disporre la compensazione delle spese di giudizio;

P.Q.M.

Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quinta)

definitivamente pronunciando sull’appello, come in epigrafe proposto, lo accoglie nei sensi e con gli effetti in motivazione specificati.

Spese compensate.

Ordina che la presente sentenza sia eseguita dall’autorità amministrativa.

Così deciso in Roma nella camera di consiglio del giorno 17 novembre 2015 con l’intervento dei magistrati:

Alessandro Pajno, Presidente

Francesco Caringella, Consigliere, Estensore

Carlo Saltelli, Consigliere

Antonio Amicuzzi, Consigliere

Doris Durante, Consigliere

L’ESTENSORE

IL PRESIDENTE

DEPOSITATA IN SEGRETERIA

Il 17/11/2015

IL SEGRETARIO

(Art. 89, co. 3, cod. proc. amm.)

aggiudicataria non specifica oneri sicurezza aziendali quindi contratto inefficace e subentro seconda classificata Reviewed by on . Consiglio di Stato decisione numero 5264 del 17 novembre 2015 è fondato e assorbente, alla luce dei principi sanciti dall’Adunanza Plenaria di questo Consiglio Consiglio di Stato decisione numero 5264 del 17 novembre 2015 è fondato e assorbente, alla luce dei principi sanciti dall’Adunanza Plenaria di questo Consiglio Rating: 0
UA-24519183-2